Il gusto della matematica

Descrizione: 
Il progetto si propone, nell’arco di due anni, con un convegno iniziale ed uno finale e varie attività intermedie, - di offrire formazione ai docenti degli istituti coinvolti e delle scuole vicine - di recuperare le migliori esperienze in matematica, interne o esterne agli istituti (tematiche: i problemi, la numerazione, l’argomentazione, i dati...) - di coinvolgere i docenti in percorsi di ricerca – azione (proposta, sperimentazione, confronto) - di rendere ordinarie le buone pratiche nell’attività didattica - di far appassionare i ragazzi alla matematica e di far confrontare gli alunni di scuole diverse anche attraverso i canali multimediali - di incentivare la partecipazione degli alunni a iniziative riguardanti la matematica (es. Giochi bocconi) - di utilizzare metodologie innovative (brainstorming, cooperative learning, laboratori, confronti per via telematica..) - di stimolare la riflessione delle famiglie e del contesto sulla necessità di una buona formazione di base --- sede centrale i.c. Cervasca- scuole primarie e medie degli istituti in rete- luoghi idonei per i convegni (es. Crfm della merlo, già utilizzato in situazioni simili)- piazze e sedi di manifestazioni
Motivazione: 
Un bando è un’occasione per chiedersi cosa serve nella propria scuola e provare ad organizzare una risposta con i finanziamenti disponibili. ma può essere invece l’occasione per consolidare o attivare nuove strategie per migliorare la qualità dell’insegnamento in una o più discipline, per mettere a frutto le competenze acquisite, per gratificare i docenti preparati, per offrire un servizio al territorio. l’i.c. Di cervasca ha deciso di percorrere la seconda strada, insieme a due istituti con cui ha già avuto occasioni per collaborare. a partire dall’esperienza della formazione meta cognitiva e cooperativa, della rete avimes e dall’essere polo m@t.abel, l’ambito prescelto è quello matematico-scientifico. La tematica è la didattica della matematica. La motivazione del progetto è consolidare le competenze acquisite e rendere ordinario l’approccio laboratoriale.
Risultati attesi: 
Ci si aspetta che tutti gli insegnati di matematica interessati al percorso, migliorino il proprio approccio didattico mediante una crescita professionale che andrà ad incidere in modo permanente sulla metodologia e la didattica. per gli alunni ci si aspetta un miglioramento- attraverso processi laboratoriali di costruzione di significati (fin dalla scuola dell’infanzia.) • dell’atteggiamento verso la matematica non più vista come materia arida, piena di formule ed esercizi ripetitivi ma disciplina creativa che prima del rigore e dell’astrazione richiede un approccio dinamico e laboratoriale. • delle proprie competenze cioè la capacità di utilizzare gli strumenti acquisiti in contesti diversi da quelli tradizionali • delle capacità di esporre e argomentare come conseguenza della discussione insita nel lavoro di ricerca sperimentale delle soluzioni. per le famiglie ci si aspetta un coinvolgimento nello studio della disciplina dei propri figli più sereno e consapevole. elementi di innovazione - perché innovazione: innovare non è reinventare ma rivedere le abitudini alla luce delle ricerche più recenti. Per noi si tratta di - partire dalle fragilità delle nostre scuole - riferirci ai curriculi e alle migliori esperienze internazionali - selezionare obiettivi e percorsi - formare i docenti - sperimentare in un percorso di ricerca - azione - confrontare i risultati con gli esperti - rendere sistematico l’approccio laboratoriale accanto alla lezione frontale, il che consente anche agli alunni fragili di sentirsi più invogliati a mettersi in gioco, spesso con risultati sorprendenti e motivanti. perché eccellenza: - per i riferimenti nazionali e internazionali - per l’impegno a migliorare le competenze dei ragazzi, nella prospettiva di un buon orientamento umano e professionale - per l’impegno a consolidare e a diffondere le buone pratiche - per l’ampio coinvolgimento di docenti ed alunni - per la diffusine alle scuole della zona di cuneo
Numero pratica: 
2009-1079
Denominazione Sociale: 
ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERVASCA
Anno del bando: 
2009
Località: 
Cervasca
Importo totale: 
€ 34.200,00
Importo deliberato: 
€ 24.000,00
Tipologia: 
Progetti Formativi
Ambito discilplinare: 
MATEMATICO
MATEMATICA
Data inizio: 
Martedì, 1 Settembre, 2009
Data Fine: 
Martedì, 31 Maggio, 2011
Stato: 
Chiuso
Scuole nella rete: 
ISTITUTO COMPRENSIVO DI MOROZZO
DIREZIONE DIDATTICA DI DRONERO