Utilizzo di energie rinnovabili e tecnologie orientate al risparmio energetico

Descrizione: 
Il laboratorio è inteso in senso lato di insieme di attrezzature/componenti così distribuite nella struttura del csf enaip. nel laboratorio di impianti termoidraulici- due pannelli carrellati: - uno per l’installazione di un impianto termoidraulico sfruttante l’energia solare termica integrata con quella tradizionale per produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento- - uno per l’installazione di un impianto termico e di produzione acqua calda con pompa di calore integrata da caldaia a condensazione. nel terrazzo soprastante il laboratorio elettrico si collocheranno 8 moduli fotovoltaici su supporti carrellati- nel laboratorio si troverà un quadro elettrico nel quale convergerà l'energia elettrica prodotta. Qui si monitorerà la produzione nel tempo e sperimenterà l'uso in varie applicazioni didattiche. nel laboratorio di autoriparazioni costruzione di un prototipo di veicolo ibrido elettrico/endotermico con batterie caricate da energia fotovoltaica ed illuminazione a led. --- csf enaip di cuneo corso garibaldi 13: laboratori termoidraulico ed elettrico e area adiacente esterna. corso gramsci 20 cuneo: laboratorio di autoriparazioni
Motivazione: 
Contesto. nel 2006 è entrato in vigore il protocollo di kyoto, mirante a ridurre le emissioni di gas serra attraverso il risparmio energetico, l’efficienza energetica e la diffusione delle fonti rinnovabili. Le ricadute più recenti in italia si sono avute con il d.l. 28/2011 i cui obblighi entreranno in vigore dal maggio 2012 fissando le percentuali minime di impiego delle fonti energetiche rinnovabili per il fabbisogno termico totale degli edifici (riscaldamento, produzione di acqua calda sanitaria,..) e per la produzione di energia elettrica. Per quanto riguarda le auto, entro il 2020 dovranno essere ridotte le emissioni di co2 prodotte. esigenze del csf enaip ciò impone l'acquisizione di competenze professionali ben precise la cui spendibilità sarà conseguentemente in crescita- inoltre, il d.l. 28/2011 parla esplicitamente di formazione . Per gli allievi, futuri installatori o autoriparatori, le attrezzature oggetto della richiesta sono strategiche per una adeguata formazione.
Risultati attesi: 
La formazione dei docenti avverrà sugli aspetti metodologici e sulle quattro tematiche diverse. Le tematiche trattate saranno: - applicazione della metodologia dell’apprendimento cooperativo in attività di laboratorio(3 ore) - impiego dell’energia solare termica per le civili abitazioni e integrazione con gli impianti tradizionali (7 ore) - utilizzo delle pompe di calore aria-acqua e integrazione con gli impianti tradizionali (7 ore) - utilizzo dell’energia solare fotovoltaica per le civili abitazioni (7 ore) - soluzioni tecnologiche a risparmio energetico nel settore automobilistico (7 ore) i docenti individuati sono tecnici esperti del settore le modalità di approccio utilizzate nella formazione saranno ispirate alla pratica del caso studio e del problem solving . Parte della formazione sarà dedicata specificatamente alla definizione del vari progetti didattici/formativi con l'obiettivo di ottimizzarne la fruizione da parte degli allievi
Numero pratica: 
2012-1187
Denominazione Sociale: 
EN.A.I.P. PIEMONTE, CENTRO SERVIZI FORMATIVI DI CUNEO
Anno del bando: 
2012
Località: 
Cuneo
Importo totale: 
€ 35.000,00
Importo deliberato: 
€ 26.836,50
Tipologia: 
Laboratori
Ambito discilplinare: 
AMBIENTALE
TERRITORIALE
AGRARIO
AMBIENTALE
Data inizio: 
Lunedì, 22 Ottobre, 2012
Data Fine: 
Lunedì, 30 Settembre, 2013
Stato: 
In Corso